PSICOLOGIA, FELICITA' E HOME THERAPY
Per informazioni e appuntamenti+39 06 78 22 934 | +39 339 670 56 59

CLIMA

Clima, emergenza climatica. ridurre livelli di CO2…

di cosa stiamo parlando ?

l’informazione per fortuna sta diventando capillare e il futuro del Pianeta, il nostro amato Pianeta, è a rischio.

L’Umanità è a rischio, le condizioni a cui siamo abituati oggi lanciano segnali di allerta importanti.

Rubriche specializzate, summit mondiali, ricerche scientifiche sul clima sono al lavoro per cercare soluzioni o correttivi non facili.

E un blog di psicologia cosa può aggiungere ?

Aggiungiamo i dati di uno studio appena pubblicato su quanto il danno psicologico sia legato a cambiamenti climatici o più esattamente a cambiamenti della qualità dell’aria.

Spieghiamoci meglio

Lo studio quantifica aumento di emissioni CO2 e riduzione della capacità decisionali degli esseri umani: in base alle stime ottenute dallo studio sperimentale la capacità di prendere decisioni di base risulta ridotta del 25 % mentre il pensiero strategico complesso si riducce fino al 50% quando le concentrazioni di CO2 superano livelli di guardia.

Questa ricerca è condotta con approccio neuroscientifico applicato alle emergenze del nostro futuro, una realtà complessa che bisogna conoscere sempre meglio per poter intervenire.

A livello di base, intuitivo e di buon senso, tutti sappiamo quanto sia immediato il benessere percepito nel fisico e nella mente a contatto con ambienti naturali.

Gli stress ambientali infatti inducono conseguenze fisiche di allarme e di sovraffaticamento che, ci dice lo studio sopra citato, sono respponsabili del 12-18% di decessi avvenuti per aumento della pressione arteriosa e di intervenuto infarto miocardico. Questi dati sono calcolati su 53 paesi e tra gli stressor indicati c’è ad esempio l’inquinamento acustico.

Quando il rumore fa male

Se esposti in modo prolungato e continuato a 55 decibel avremo effetti neurofisiologici a cascata che ci predispongono a malattie cardiovascolari.

La nostra atmosfera. proprio quella che ci permette di vedere il cielo di color azzurro è satura di tonnellate di CO2, smaltibili in mille anni…. Cambia il clima ma non solo.

Il nostro istinto biologico ci richiama alla natura, interessante sapere che troppa CO2 impoverisce anche la capacità di prendere decisioni assennate ed elaborare pensieri complessi……………

natura
Read More
cibo vegano

Valori in crisi

Ho piacere di accogliere su questo blog le riflessioni di una persona che stimo per l’orientamento alla Natura che ci ospita, alla Vita e al Bene, unite all’impegno di promuovere cambiamento virtuoso e vitale, rifiutando ogni atto violento.

Graditi tutti i pensieri e i commenti dei lettori

Si ha l’impressione che l’umanità sia giunta ad un bivio,  ad un punto cruciale della sua storia; la sensazione che tutto sia fragile, precario, incerto, di essere come sul filo del rasoio in cui da un momento all’altro tutto potrebbe precipitare. I delitti si manifestano in modo sempre più numerosi e agghiaccianti. La povertà dilaga, la fame e le malattie imperversano, l’economia vacilla, la natura cade sotto la scure degli interessi economici, l’inquinamento ci impedisce di respirare, i media, al servizio di una cultura decadente improntata sul profitto, sull’apparenza e sulla volgarità, destabilizza le nuove generazioni e genera incertezza, paura, edonismo, povertà morale, ignoranza, maleducazione, volgarità, isolamento.

La crisi che si sta vivendo non è politica, sociale, economica, o culturale: è crisi ideali, di valori e mette sotto accusa la coscienza umana, la mancanza di punti di riferimento, di giustizia sociale, di onestà individuale, di apertura alla collaborazione, della responsabilità personale verso la collettività; valori che non si improvvisano.

Non basta dire giustizia, diritti, per avere giustizia e diritti. Non basta elencare ciò di cui ha bisogno l’essere umano per uscire dalla crisi, dal pantano:  se non c’è una forte volontà politica a livello nazionale e mondiale, di un progetto capillare di educazione delle masse ai valori fondamentali della vita, della pace, della giustizia sociale, all’onestà saremo condannati a permanere in questo stato di cose, con prospettive poco rassicuranti.

Tutto questo non è che l’effetto di un’umanità malata, smarrita, stordita, perché ha trascurato la componente fondamentale della sua natura: la sua dimensione etico/spirituale. Che è come aver dimenticato di mettere il carburante nell’automobile per poi chiedersi perché non cammina.  Dare valore allo spirito significa dare ascolto alla propria coscienza; significa credere nel bene collettivo che passa attraverso la vera maturità di se stessi: un cambio di stile di vita e di scelte personali;  significa credere nella dimensione a venire in cui il bene avrà il sopravvento sulla disarmonia, sul materialismo e sull’interesse di parte; significa credere nello spirito cosmico che tutto vivifica,  che tutto pervade e spinge tutti gli esseri verso la loro evoluzione; significa dar valore alle cose che non passano con la vita; significa identificarsi e incarnare in se stessi quell’ideale che vorremmo si realizzasse in questo mondo. Il resto è demagogia.

Franco Libero Manco

Associazione Vegan Animalista A.V.A.

spiedini vegani
mangia sano
Read More

Poesia -IL PRIMO GIORNO DELL’ANNO

Lo distinguiamo dagli altri come se fosse un cavallino
diverso da tutti i cavalli.
Gli adorniamo la fronte
con un nastro,
gli posiamo sul collo sonagli colorati,
e a mezzanotte
lo andiamo a ricevere
come se fosse
un esploratore che scende da una stella.
Come il pane assomiglia
al pane di ieri,
come un anello a tutti gli anelli…
La terra accoglierà questo giorno
dorato, grigio, celeste,

lo dispiegherà in colline
lo bagnerà con frecce
di trasparente pioggia
e poi lo avvolgerà
nell’ombra.
Eppure
piccola porta della speranza,
nuovo giorno dell’anno,
sebbene tu sia uguale agli altri
come i pani
a ogni altro pane,
ci prepariamo a viverti in altro modo,
ci prepariamo a mangiare, a fiorire,
a sperare.

Con questi versi di Pablo Neruda apriamo il 2021 !

Sono pieni di auguri, profondi e intensi, meditati e riflessi, nascosti tra le immagini che sanno di festa.

Bellissima Poesia che disegna per chi legge una scena, una dolcezza, una lirica. Così, in semplicità, ci prende per mano e ci stacca dalla quotidianità delle notizie televisive, dalle paure e dalla Pandemia…

Una Poesia sa fare tutto questo? quasi un miracolo per noi, da chi ha cuore di poeta, da chi sa scegliere parole con arte e simboli, con fantasia e metafora. Da chi attinge alla sua fonte profonda di creatività tra simboli, immagini soprattutto. La poesia arriva dritta dritta dall’inconscio dell’autore.

Poesia è balsamo in tempi difficili, è una carezza come un vento benefico in un giorno troppo caldo.

Poco coltivata o si potrebbe coltivare con maggior passione e simpatia, si potrebbe ricorrervi con fiducia, con tranquillità e troveremmo così insperati tesori.

Tra vecchi scaffali, tra pagine polverose qualcuno avrà scritto per noi in anni lontani o appena ieri i suoi voli della mente.

Sono per noi, non mandiamoli sprecati… Buona lettura e Buon Anno a tutti!

Read More

Recovery fund

Recovery fund è la star di questi mesi, è nelle orecchie di tutti ma cosa è?

In buona sostanza si può stringare il concetto nel dire che si tratta di soldi.

Più corretto è dire che si tratta di uno strumento finanziario che la Commissione Europea ha individuato per sostenere le economie degli Stati membri in sofferenza finanziaria per la pandemia mondiale.

Ci ricordiamo dell’Europa, quando parliamo di Recovery fund ma il nostro spirito europeo come sta?

Sonnecchia nell’animo dei più che lo invocano quando si vogliono soldi in primis, anche detti aiuti, sostegni, ristori. Sacrosanta necesità, chi lo potrebbe negare?

E’ la solita idea che la psicoanalisi individua come il Complesso della Grande Madre, ove si chiede a oltranza nutrimento, diritto assoluto possibilmente senza doveri corrispondenti,

O minimi doveri per un diritto senza fine.

Come verso la Madre.

Torno all’Europa e agli Europei, una parola storica che fatica ad entrare nel pensiero identitario di ognuno di noi che viviamo negli Stati del Vecchio Continente.

L’Europa si è costruita nei millenni tra guerre e poteri come ogni libro di storia ci racconta.

Europei oggi significa appartenenza a un insieme grande di cittadini di diverse origini, linguaggi, aree geografiche.

L’identità del proprio paese è più facile e forse è più forte, dopo secoli di battaglie per costituire gli Stati, rispetto all’identità europea.

In America si sentono tutti americani ancor prima che del Texas o dell’Ohio ma qui sentirsi europei è un atto del pensiero prima che un’identità data.

Interessante chiedersi da dove arrivano gli europei, come se lo chiede un libro recente che si occupa di archeogenetica.

Il libro è “Storia dell’Umanità” di J.Krause e T.Trappe.

Sembriamo dimenticarci di essere europeri ricordando invece di essere italiani, curiosa lettura dell’insieme Europa che contiene il sotto insieme Italia.

Ne parleremo più approfonditamente, ora arrivano le Feste natalizie, coi canti rituali sottotono e abbiamo in mente, tra le tante cose, il Recovery Fund.

Read More

Natale 2020

Natale quasi.

Dicembre già qui da qualche giorno.

Pensiero di molte persone quest’anno più che altri anni va sulle prossime festività.

Come sarà questo Natale?

E’ la domanda che in molti si stanno già ponendo, soprattutto bambini e adolescenti che su queste giornate investono forti aspettative.

E’ una festa talmente carica di simbolismo che nessuno ne resta fuori, anche i più restii a festeggiarlo, avvertono la paticolarità di questo periodo.

Anzi quest’anno ce ne stiamo occupando anche con anticipo maggiore per la nota causa pandemica che pervade tutta la nostra esperienza attuale.

Ieri sera in televisione è stato in programma un film che ci porta indietro al 1945, nella Germania post bellica.

Il processo di Norimberga, magistrale lavoro cinematografico che con poche pennellate ha riattualizzato un dramma che non potremo mai dimenticare.

L’aspetto storico, politico, economico era in chiaro risalto.

Facile ripensare a quel momento dela storia del’umanità denso di orrore umano, morte, sparizioni, famiglie spezzate, terrore, malvagità, avidità.

E vien da pensare se difronte alle nostre attuali preoccupazioni di questo Natale 2020, fatte di pensieri su scuola, regali, soldi, cenoni e pranzoni non aiuterebbe ripensare la storia.

Non sarà certo l’idea di togliere una festa simbolica e spirituale come il natale che si vuole qui incoraggiare, al contrario.

Come ogni anno si dice, il Natale è una festa dello spirito e ghirlande con luci, elfi, e profumo di dolci, presepi e messe, hanno il compito di ricordarlo.

Nessuno ci toglie il natale e potrebbe essere anche questo molto bello.

Le ricorrenze sono cicliche, molti altri Natali ci sono stati in passato tra guerre e carestie e molti altri ne verrano tra chissà quali altri eventi.

Lunghe serate familiari, al caldo delle case riscaldatissime o dei caminetti accesi, tra giochi e regali come se questa fantasia potesse redimere il resto dei giorni difficili.

E se pensassimo allo Spirito invece? Spirito del Tempo che stiamo attraversando.

lo Spirito sofferente di chi è tra lutti o in pericolo.

Quello Spirito che è archetipo e sempre ha qualcosa da raccontare, se ci mettiamo in ascolto, in dolcezza.

Lo Spirito del Natale…

Read More

LIBRERIA

Da oggi è in libreria il nuovo impegno letterario di un autore attento, scrupoloso e serio nel segnalarci impervie vie su cui camminiamo, a volte fin troppo ignari.

Il nuovo titolo in libreria che segnalo è STRONCATURE – Perrone editore, collana l’Erudita.

Su 184 pagine l’autore Daniele Poto fa il punto sulle tante contraddizioni politicamente corrette e non, da cui siamo accerchiati.

Daniele Poto è giornalista, scrive di saggi e letteratura, per cui il taglio che ha dato a questo libro è snello e fluido, di lettura piacevole e intelligente.

La pandemia ha segnato l’impennata di un’epoca che se ne andava alle proprie derive con le consuete bugie, travestimenti, imbrogli di ogni tipo.

Tutti ne siamo consapevoli.

Ora siamo anche testimoni di quanto il fenomeno che ha coinvolto salute mondiale, economie, relazioni interpersonali, sicurezza, cultura e istruzione (dimentico qualcosa?) non abbia avuto almeno un effetto collaterale sperato.

In tanto caos sociale, sanitario, psicologico (non si contano gli aggravamenti psicologici soprattutto delle frange deboli dela popolazione) che fare?

Si poteva magari produrre qualche preziosa occasione di riflessione.

E c’è anche stata, da parte di molte ottime menti che cercano il meglio da ciò che accade.

E’ talmente grave, e inedito per questa generazione, ciò che sta accadendo nel mondo che sarebbe stata auspicabile una presa di consapevolezza più diffusa.

Una possibilità di virare verso condotte utili e fertili, ci ricordiamo ancora il tema della decrescita felice?

Altri tempi.

Il libro di Daniele Poto attraversa i punti di sostegno della socetà civile di oggi, i sindacati, le aree politiche, gli usi e costumi che imperversano e molto altro.

Una recensione di STRONCATURE recita: Con una meditazione amara e autocritica: “I buoni siamo noi, i cattivi sono sempre gli altri”.

E questo non può non rimandare al grande tema psicologico collettivo del nostro tempo, il narcisismo, a lungo e da molti accademici studiato per le sue complesse sfumature.

Una sfumatura trasversale a tutte le letture del narcisismo è proprio quella di dare sempre ragione a se stessi, nel giusto perfetto, e di conseguenza precipitare gli interlcutori nell’errore e nel male.

Si tratta di una struttura psicologica e la società ne è pervasa, come molti studi rilevano, sarà bene cercare di limitarne i danni.

Consiglio la lettura di questo libro, per capire di più cosa ci accade.

Read More

GRATIS

Gratis…. Che parola dal suono frusciante e seducente!

Dall’etimo latino contiene in se stessa anche una evocazione di “grazia” ma si riferisce come tutti sappiamo alla gratuità, al non dover nulla in cambio.

Il contrario del “do ut des”  ma anche meno affidabile.

Stiamo vivendo tempi incerti, la solidarietà e la generosità in parte ci sono e in parte ci vorrebbero senza limite, probabilmente.

Prima della pandemia mondiale del Covid 19 è uscito un testo scritto dalla sociologa americana Shoshana Zuboff che ci lascia una articolata riflessione sulla gratuità.

Il suo studio colto e approfondito dopo decenni di ricerca accademica è relativo alle nuove tecnologie ed in particolare l’accesso indiscriminato alla rete internet per tutti.

Infatti sottotitola: “il futuro dell’umanità nell’era dei nuovi poteri”.

Autorevole il  parere dell’autrice che insegna alla Harward Business School  e si occupa delle trasformazioni dell’era digitale.

Perchè occuparcene in un blog di psicologia?

Perché apre la riflessione a nuove forme di dominanza, simili ad un sistema capitalistico, in cui senza accorgercene pienamente siamo al servizio dei più forti, ricchi e potenti della terra.

Ci rendiamo schiavi ricavando solo l’effimero perché l’astuzia di tenere così tante persone, così tanta umanità, legata a stretto filo ad internet è basata sui bassi costi. Così bassi per noi, sul filo del gratis.

Internet ci viene “venduto” come un paradiso gratuito, in cui essere felici, giocare, intrecciare relazioni, avere molto ma soprattutto averlo subito.

Ci riescono perché qualche genio ha ben capito su quali bisogni delle persone fare leva, offrendo in pochi anni la possibilità ormai per tutti di avere molte cose gratis, vero o no che alla fine risulti.

La frase davvero geniale della sociologa, secondo me, è la seguente: “se è gratis, il prodotto sei tu”.

Pensateci.

E  potete rialzarvi se siete caduti dal pero.

E’ una realtà di cui non ci si rende conto immediatamente, abbagliati dal miraggio del gratis subito e forse tutto, sicuramente molto.

L’intera navigazione internet, tutto l’utilizzo della rete, ha per gli utenti costi ridicoli e ci tiene al laccio molto ben stretti, e ben sorvegliati.

“Il Capitalismo della sorveglianza”, è il titolo, se volete viaggiare (sulla rete) informat…i

Read More

SILENZI 2

Riporto qui – come promesso – il seguito con il finale del racconto breve di Claudio Maioli dal titolo “Silenzi” e vi dirò successivamente perchè ci interessa questa storia di inconfessati Silenzi

un vortice inarrestabile, al modo dei pensieri quando dentro la mente non ritrovano un capo

Fende l’aria con gesti larghi di un braccio teso, le dita della mano, prima aperte, si stringono bianche nel pugno, fa così per un’ora, un’ora e mezza ogni mattina, cerca di acchiappare le idee, mi spiegano,

Le idee di chi, domando,

sue, soltanto le sue, a questo ci tiene molto,

Ma le cerca in uno spazio comune, chi gli garantisce che non si mescolino a altre,

La mano, le dita, osservi il movimento con attenzione, vede, non si chiudono come a trattenere un insetto, si ripiegano, piuttosto, come obbedendo a un’articolazione precisa, meccanica, le antenne di un satellite che tra tante lunghezze d’onda ne afferrano solo alcune, quelle su cui sono fuggiti, non ricorda quando, i suoi pensieri,

È tanto, Cinque anni, si presentò volontario, prima che fosse tardi, disse, ci pensammo un bel po’ prima di accoglierlo: sobrio, elegante, giacca e cravatta, borsa di cuoio, poteva essere un collega o un ispettore del Ministero. Chiede un colloquio, gli capito davanti io,

Prego, si sieda,

No, grazie,

posa la borsa sul tavolo, la apre e la rovescia: completamente vuota salvo per una busta in bianco, resta immobile qualche minuto poi mi volta le spalle, muove un passo e comincia coi gesti. Da quel giorno, più una parola.
Leggo e rileggo i fogli nella busta in bianco, da quel giorno li leggo ogni giorno che si leva su questa Terra. Li leggo e li ripongo. Poi saluto e esco. «Per oggi basta,» mi dico ogni giorno che cade sulla Terra. Mentre mi allontano sto per alzare un braccio teso. Mi trattengo. Basta, per oggi basta. Affretto il passo verso il cancello
.

Così termina il racconto, scrivete i vostri commenti e al prossimo articolo ne parliamo più diffusamente.

Read More

COME PRIMA ?

Una canzone al ritornello ripeteva: come prima, più di prima, t’amerò…”

La riprendo qui per introdurre il concetto del “come prima” precedente alla pandemia, la vita che si faceva, le abitudini che ci avevano reso quelli che siamo.

La vita che si amava, come canta il ritornello

Possiamo osservare tutti con facilità che si vorrebbe tornare al “come prima”.

Finito il lockdown, le abitudini di sicurezza più o meno ancora rispettate, virus covid19 che si cerca di non temere, negandone la presenza.

Meccanismo difensivo di negazione che la psicologia ben conosce: si nega coscientemente  qualcosa quando la si teme inconsciamente troppo.

Si cerca di tornare come prima, ci riusciremo?

O sarà invece un’occasione nuova di inventare nuovi stili per vivere meglio?

L’economia scricchiolante per moltissime persone impone e imporrà ancora di più nuovi comportamenti e molte rinunce.

Abbiamo riflettuto abbastanza se “come prima” sia la cosa migliore?

La decrescita felice è già un termine impopolare, anche se mai realizzata, forse appare facilitata, per chi desidera andare in quella direzione.

Meno consumi, meno sciocchezze, più responsabilità e il mondo intero ci restituirà poi un ambiente migliore in cui vivere e far vivere le generazioni future.

Scuola, istruzione nel suo complesso, cultura… quale futuro? È da queste basi che il futuro prenderà forma.

Ambiente, clima, natura, inquinamento… temi triti e ri-triti ma sempre troppo vivi per dimenticare ancora una volta di pensare soluzioni.

Come prima è rassicurante e invece qualche scenario ancora da pensare apre la porta ad incertezze che sembrano oscure.

Non è detto però.

I grandi cambiamenti hanno sempre generato nuovi volti al mondo e agli uomini che lo abitano.

Non sempre per il meglio, dobbiamo riconoscerlo.

Possiamo predisporre il nostro spirito interiore a pensare per nuovi cambiamenti, utili a noi stessi e ai nostri vicini, cercando il cammino virtuoso che se pure nascosto possiamo sempre trovare.

Read More

Effetti quarantena

Quali effetti di qurantena il periodo appena trascorso ha su di noi?

Avevo già fatto riferimento alle ricerche in Antartide.

Ricordate? i ricercatori universitari del mondo interessati all’astronomia, alla glaciologia, alla fisica dell’atmosfera e alla sismologia si trasferiscono volontariamente in regione antartica, dove la Base si chiama Concordia (interessante il nome, vero?).

Base di ricerca scientifica in Antartide

Volontari, a differenza di noi che che in quarantena non lo eravamo ma subiscono temperature esterne anche a -80°, buio costante e raffiche di vento che impedicono di uscire.

La mente e il corpo di queste persone subiscono effetti negativi e lo studio di questi parametri può essere utile per capire meglio quali facoltà umane è necessario nutrire.

Ebbene, quando si è costretti dalla situazione ad isolarsi dai propri cari e restare confinati nello stesso ambiente sempre con le stesse persone, lo studio ha evidenziato innalzamenti del picco di cortisolo, il nostro valore ematico che segnala stress.

Inoltre l’espressione genica e l’umore dei partecipanti sono risultati alterati e gli effetti non scompaiono all’immediato termine della missione e rientro a casa.

Tuttavia i vari studi condotti sono in grado di dirci come contrastare gli effetti di isolamento prolungato:

il tratto di personalità relativo all’ “attaccamento sicuro” predispone a ritenere di saper superare condizioni di difficoltà.

Inoltre fiducia interiore e sicurezza in se stessi sono risultate essere le caratterisctiche principali per adattarsi e superare condizioni di stress prolungato, come quello dei ricercatori che si trovano a poco più di 1600 Km dal polo sud.

Sono proprio risposte biologiche a cui siamo giunti dopo milioni di anni che caratterizzano le possibilità umane di resilienza.

I risultati di queste ricerche ci permetteranno di capire cosa aspettarci dalla popolazione mondiale sottoposta allo stress della pandemia.

Ancora dubbi sull’importanza di coltivare fiducia in se stessi risoluta e vigorosa?

Read More