PSICOLOGIA, FELICITA' E HOME THERAPY
Per informazioni e appuntamenti+39 06 78 22 934 | +39 339 670 56 59

COVID19 e Freud

Covid 19 , malattia del corpo con esiti di varia gravità.

Qui ti dirò della mente

Ad esempio, in tempi di COVID19, come stiamo reagendo psicologicamente alla Paura, all’allarme per la propria incolumità e quella dei propri cari? Ai cambiamenti di vita che le norme di contenimento dei contagi impongono?

Spostiamoci nel tempo:

se tutto questo periodo difficile di questo anno fosse spostato indietro nel tempo, fino agli anni che segnarono gli inizi della terapia psicoanalitica. Cosa avrebbe scritto il Padre della psicoanalisi?

Oggi gli psicologi si stanno attrezzando per fornire aiuto e sostegno psicologico con le nuove metodologie tecnologiche, in tempi di covid19.

Si parla di terapie on line, colloqui attraverso il web, utilizzando la trasmissione internet dei dati.

Certo, anche di quelli sensibili e personali, mentre il paziente debitamente informato sottoscriverà la propria accettazione al trattamento.

Freud avrebbe fatto psicoterapia on line?

Al suo tempo si chiamava solo psicoanalisi ma era pur sempre una forma di psicoterapia.

Freud avrebbe pensato, riflettuto abbondantemente così da dirci il proprio pensiero. Secondo me non avrebbe fatto terapia on line, se fosse vissuto oggi.

Per il semplice motivo che vengono meno tanti criteri, cari al setting psicoterapeutico, così essenziali alla buona prassi del lavoro con la psiche, propria e altrui.

Lo sguardo, l’esitazione e la parola, risposta precipitosa, oppure esitata, la pausa, lo spazio del silenzio.

Con Skype???

Per riassumere, si può pensare il buon vecchio detto “ meglio di niente” che tuttavia non mi sento di sottoscrivere, in questo delicato caso.

Certo dipenderà dal tipo di paziente, dalla difficoltà presentata e dal tipo di terapeuta, dalla formazione di quest’ultimo e dal suo orientamento teorico.

Meglio scegliere da caso a caso.

Per farla breve, il mio studio ed io la nostra scelta l’abbiamo già fatta: lo studio resta aperto, come legge consente in quanto attività sanitaria e ora più che mai non faremo mancare ai nostri pazienti il consueto riferimento.

Non faremo venir meno la stabilità di cui tanto parliamo e richiediamo proprio a lui, in quanto paziente.

Quindi è certo che osserveremo con scrupolo, in scienza e coscienza, come sempre, ogni norma di contenimento di contagio, siamo già abituati a farlo in ambito psichico, sarà semplice farlo anche in ambito fisico.

Buona psicoterapia a tutti!

Read More

Psicoanalisi cara

come iniziando una lettera ad un amico importante chiediamo alla Psicoanalisi: “come stai?”

e se potesse rispondere forse ci direbbe: “gli anni passano e non sono più sulla cresta dell’onda come al tempo del papà Freud..”

“ma ti stanno dimenticando adirittura”? chiederemmo ancora con sollecitudine.

“Mi stanno sottovalutando”.

“Sei rimasta sempre di poche parole” io le ribatterei, ma vogliamo capire meglio..

“Come te la passi, Psicoanalisi cara? come va oggi negli studi col lettino in quell’atmosfera unica e speciale?..”

“Dicono che sono cara ma si riferiscono ai soldi, al costo economico, non a quanto sono cara al cuore, ai sentimenti, alla vita, agli animi nobili, alle personalità…!

“Psicoanalisi cara non ti crucciare, per cara che tu possa essere è inestimabile il valore che restituisci alle persone !!”

Mi risponde, con la consueta serietà e obiettività: ” Lo pensi tu e gli altri psicoanalisti ma le persone che soffrono, hanno perso di vista il valore della propria personalità”

Cintinua così: “Stenterai a crederci, dottoressa, ma le persone credono oggi che per prendersi cura della loro personalità e così “curare” i loro disagi psicologici, non ci sia da spendere soldi.”

” e come fanno?” chiedo.


“Incauti, affidano la cosa più preziosa che hanno, la propria personalità, a colloqui gratuiti o rilasciati per una manciata di spiccioli !”

“E’ evidente quanto siano poco avezzi a dare valore a parti di sè'”

” Hanno bisogno in primis di sentire e percepire il proprio valore, di contattare parti di sè sane e ricche e allearsi ad esse, per cominciare a sentirsi meglio.”

Mi chiedo allora e rifletto come facciano oggi le persone che avvertono il proprio disagio psichico ed ho capito che in grande parte si sono lasciate inutilmente sedurre dal nostro tempo fatto di velocità.

Cercano anche per la propria delicatissima psiche il “tutto e subito”, pervasi dalla fretta, che si sta trasformando in una sorta di smania di esperienze.

Esperienze consumate, con echi bulimici, dimenticando la profondità dei recessi della mente umana;

dimenticando il Tempo, lungo e prezioso, di cui la mente ha bisogno per assaporare, per appropriarsi della multivariegata ricchezza nascosta nelle cose.

Read More