PSICOLOGIA, FELICITA' E HOME THERAPY
Per informazioni e appuntamenti+39 06 78 22 934 | +39 339 670 56 59

biblioterapia

biblioterapia è una forma di psicoterapia?

Alcuni psicologi dicono di sì e si dedicano a questa innovativa forma di offerta di aiuto psicologico, con successo e minor spesa per gli utenti.

Biblioterapia prende spunto da un testo di narrativa, lo psicoterapeuta propone il testo selezionato con cura, al gruppo.

Sì, di solito si effettua come terapia di gruppo.

La lettura suscita emozioni, stimola stati d’animo, risveglia fantasie o timori, risonanze a vissuti remoti o sepolti nell’inconscio, personali o collettivi.

Il gruppo ne accoglie il riverbero, il terapeuta guida le associazioni e le riflessioni che emergono, tenendo a mente l’obiettivo che ognuno nel gruppo si è dato.

Obiettivo benessere, come sempre, e i libri sono strumenti moderni e antichi, insuperabili per veicolare stati d’animo.

Biblioterapia per viaggiare nel tempo, per spostarsi in ogni parte del mondo o in altri mondi lontani e fantastici, senza muoversi dal divano.

Eroi quotidiani oppure eroi dell’immaginario accompagnano i lettori pagina dopo pagina, nel libro che viene scelto con accuratezza estrema, dopo aver conosciuto il gruppo e tutti i suoi componenti,

La libroterapia schiude porte, portoni, scenari da fiaba o orizzonti profondamente umani.

Un’esperienza da provare perchè, a mio parere, il contatto guidato con i simboli che ogni storia narrata racchiude è profondamente vivificante.

Per chi è già lettore accanito sarà un modo diverso di accostarsi agli amati libri, scoprendone potenzialità trasformative impensabili.

Per chi non è abituato alla lettura sarà un inizio fecondo di un sano, sanissimo, modo di approcciare al proprio mondo interno.

I libri sono preziosi, le storie che narrano sono balsamo per la mente, gli autori che nei secoli li hanno scritti sono Maestri.

Certo è che la scelta del libro che accompagnerà il gruppo sarà scelto con cura e competenza, sia di libri che di psiche umana.

Seguite la Libreria Lilli, all’Appio Latino a Roma che si avvia ad ospitare la prossima edizione di questo affascinante percorso di approfondimento. Notizie e aggiornamenti utili al prossimo post…

Read More

Poesia -IL PRIMO GIORNO DELL’ANNO

Lo distinguiamo dagli altri come se fosse un cavallino
diverso da tutti i cavalli.
Gli adorniamo la fronte
con un nastro,
gli posiamo sul collo sonagli colorati,
e a mezzanotte
lo andiamo a ricevere
come se fosse
un esploratore che scende da una stella.
Come il pane assomiglia
al pane di ieri,
come un anello a tutti gli anelli…
La terra accoglierà questo giorno
dorato, grigio, celeste,

lo dispiegherà in colline
lo bagnerà con frecce
di trasparente pioggia
e poi lo avvolgerà
nell’ombra.
Eppure
piccola porta della speranza,
nuovo giorno dell’anno,
sebbene tu sia uguale agli altri
come i pani
a ogni altro pane,
ci prepariamo a viverti in altro modo,
ci prepariamo a mangiare, a fiorire,
a sperare.

Con questi versi di Pablo Neruda apriamo il 2021 !

Sono pieni di auguri, profondi e intensi, meditati e riflessi, nascosti tra le immagini che sanno di festa.

Bellissima Poesia che disegna per chi legge una scena, una dolcezza, una lirica. Così, in semplicità, ci prende per mano e ci stacca dalla quotidianità delle notizie televisive, dalle paure e dalla Pandemia…

Una Poesia sa fare tutto questo? quasi un miracolo per noi, da chi ha cuore di poeta, da chi sa scegliere parole con arte e simboli, con fantasia e metafora. Da chi attinge alla sua fonte profonda di creatività tra simboli, immagini soprattutto. La poesia arriva dritta dritta dall’inconscio dell’autore.

Poesia è balsamo in tempi difficili, è una carezza come un vento benefico in un giorno troppo caldo.

Poco coltivata o si potrebbe coltivare con maggior passione e simpatia, si potrebbe ricorrervi con fiducia, con tranquillità e troveremmo così insperati tesori.

Tra vecchi scaffali, tra pagine polverose qualcuno avrà scritto per noi in anni lontani o appena ieri i suoi voli della mente.

Sono per noi, non mandiamoli sprecati… Buona lettura e Buon Anno a tutti!

Read More

Recovery fund

Recovery fund è la star di questi mesi, è nelle orecchie di tutti ma cosa è?

In buona sostanza si può stringare il concetto nel dire che si tratta di soldi.

Più corretto è dire che si tratta di uno strumento finanziario che la Commissione Europea ha individuato per sostenere le economie degli Stati membri in sofferenza finanziaria per la pandemia mondiale.

Ci ricordiamo dell’Europa, quando parliamo di Recovery fund ma il nostro spirito europeo come sta?

Sonnecchia nell’animo dei più che lo invocano quando si vogliono soldi in primis, anche detti aiuti, sostegni, ristori. Sacrosanta necesità, chi lo potrebbe negare?

E’ la solita idea che la psicoanalisi individua come il Complesso della Grande Madre, ove si chiede a oltranza nutrimento, diritto assoluto possibilmente senza doveri corrispondenti,

O minimi doveri per un diritto senza fine.

Come verso la Madre.

Torno all’Europa e agli Europei, una parola storica che fatica ad entrare nel pensiero identitario di ognuno di noi che viviamo negli Stati del Vecchio Continente.

L’Europa si è costruita nei millenni tra guerre e poteri come ogni libro di storia ci racconta.

Europei oggi significa appartenenza a un insieme grande di cittadini di diverse origini, linguaggi, aree geografiche.

L’identità del proprio paese è più facile e forse è più forte, dopo secoli di battaglie per costituire gli Stati, rispetto all’identità europea.

In America si sentono tutti americani ancor prima che del Texas o dell’Ohio ma qui sentirsi europei è un atto del pensiero prima che un’identità data.

Interessante chiedersi da dove arrivano gli europei, come se lo chiede un libro recente che si occupa di archeogenetica.

Il libro è “Storia dell’Umanità” di J.Krause e T.Trappe.

Sembriamo dimenticarci di essere europeri ricordando invece di essere italiani, curiosa lettura dell’insieme Europa che contiene il sotto insieme Italia.

Ne parleremo più approfonditamente, ora arrivano le Feste natalizie, coi canti rituali sottotono e abbiamo in mente, tra le tante cose, il Recovery Fund.

Read More

LIBRERIA

Da oggi è in libreria il nuovo impegno letterario di un autore attento, scrupoloso e serio nel segnalarci impervie vie su cui camminiamo, a volte fin troppo ignari.

Il nuovo titolo in libreria che segnalo è STRONCATURE – Perrone editore, collana l’Erudita.

Su 184 pagine l’autore Daniele Poto fa il punto sulle tante contraddizioni politicamente corrette e non, da cui siamo accerchiati.

Daniele Poto è giornalista, scrive di saggi e letteratura, per cui il taglio che ha dato a questo libro è snello e fluido, di lettura piacevole e intelligente.

La pandemia ha segnato l’impennata di un’epoca che se ne andava alle proprie derive con le consuete bugie, travestimenti, imbrogli di ogni tipo.

Tutti ne siamo consapevoli.

Ora siamo anche testimoni di quanto il fenomeno che ha coinvolto salute mondiale, economie, relazioni interpersonali, sicurezza, cultura e istruzione (dimentico qualcosa?) non abbia avuto almeno un effetto collaterale sperato.

In tanto caos sociale, sanitario, psicologico (non si contano gli aggravamenti psicologici soprattutto delle frange deboli dela popolazione) che fare?

Si poteva magari produrre qualche preziosa occasione di riflessione.

E c’è anche stata, da parte di molte ottime menti che cercano il meglio da ciò che accade.

E’ talmente grave, e inedito per questa generazione, ciò che sta accadendo nel mondo che sarebbe stata auspicabile una presa di consapevolezza più diffusa.

Una possibilità di virare verso condotte utili e fertili, ci ricordiamo ancora il tema della decrescita felice?

Altri tempi.

Il libro di Daniele Poto attraversa i punti di sostegno della socetà civile di oggi, i sindacati, le aree politiche, gli usi e costumi che imperversano e molto altro.

Una recensione di STRONCATURE recita: Con una meditazione amara e autocritica: “I buoni siamo noi, i cattivi sono sempre gli altri”.

E questo non può non rimandare al grande tema psicologico collettivo del nostro tempo, il narcisismo, a lungo e da molti accademici studiato per le sue complesse sfumature.

Una sfumatura trasversale a tutte le letture del narcisismo è proprio quella di dare sempre ragione a se stessi, nel giusto perfetto, e di conseguenza precipitare gli interlcutori nell’errore e nel male.

Si tratta di una struttura psicologica e la società ne è pervasa, come molti studi rilevano, sarà bene cercare di limitarne i danni.

Consiglio la lettura di questo libro, per capire di più cosa ci accade.

Read More

GRATIS

Gratis…. Che parola dal suono frusciante e seducente!

Dall’etimo latino contiene in se stessa anche una evocazione di “grazia” ma si riferisce come tutti sappiamo alla gratuità, al non dover nulla in cambio.

Il contrario del “do ut des”  ma anche meno affidabile.

Stiamo vivendo tempi incerti, la solidarietà e la generosità in parte ci sono e in parte ci vorrebbero senza limite, probabilmente.

Prima della pandemia mondiale del Covid 19 è uscito un testo scritto dalla sociologa americana Shoshana Zuboff che ci lascia una articolata riflessione sulla gratuità.

Il suo studio colto e approfondito dopo decenni di ricerca accademica è relativo alle nuove tecnologie ed in particolare l’accesso indiscriminato alla rete internet per tutti.

Infatti sottotitola: “il futuro dell’umanità nell’era dei nuovi poteri”.

Autorevole il  parere dell’autrice che insegna alla Harward Business School  e si occupa delle trasformazioni dell’era digitale.

Perchè occuparcene in un blog di psicologia?

Perché apre la riflessione a nuove forme di dominanza, simili ad un sistema capitalistico, in cui senza accorgercene pienamente siamo al servizio dei più forti, ricchi e potenti della terra.

Ci rendiamo schiavi ricavando solo l’effimero perché l’astuzia di tenere così tante persone, così tanta umanità, legata a stretto filo ad internet è basata sui bassi costi. Così bassi per noi, sul filo del gratis.

Internet ci viene “venduto” come un paradiso gratuito, in cui essere felici, giocare, intrecciare relazioni, avere molto ma soprattutto averlo subito.

Ci riescono perché qualche genio ha ben capito su quali bisogni delle persone fare leva, offrendo in pochi anni la possibilità ormai per tutti di avere molte cose gratis, vero o no che alla fine risulti.

La frase davvero geniale della sociologa, secondo me, è la seguente: “se è gratis, il prodotto sei tu”.

Pensateci.

E  potete rialzarvi se siete caduti dal pero.

E’ una realtà di cui non ci si rende conto immediatamente, abbagliati dal miraggio del gratis subito e forse tutto, sicuramente molto.

L’intera navigazione internet, tutto l’utilizzo della rete, ha per gli utenti costi ridicoli e ci tiene al laccio molto ben stretti, e ben sorvegliati.

“Il Capitalismo della sorveglianza”, è il titolo, se volete viaggiare (sulla rete) informat…i

Read More

SILENZI 2

Riporto qui – come promesso – il seguito con il finale del racconto breve di Claudio Maioli dal titolo “Silenzi” e vi dirò successivamente perchè ci interessa questa storia di inconfessati Silenzi

un vortice inarrestabile, al modo dei pensieri quando dentro la mente non ritrovano un capo

Fende l’aria con gesti larghi di un braccio teso, le dita della mano, prima aperte, si stringono bianche nel pugno, fa così per un’ora, un’ora e mezza ogni mattina, cerca di acchiappare le idee, mi spiegano,

Le idee di chi, domando,

sue, soltanto le sue, a questo ci tiene molto,

Ma le cerca in uno spazio comune, chi gli garantisce che non si mescolino a altre,

La mano, le dita, osservi il movimento con attenzione, vede, non si chiudono come a trattenere un insetto, si ripiegano, piuttosto, come obbedendo a un’articolazione precisa, meccanica, le antenne di un satellite che tra tante lunghezze d’onda ne afferrano solo alcune, quelle su cui sono fuggiti, non ricorda quando, i suoi pensieri,

È tanto, Cinque anni, si presentò volontario, prima che fosse tardi, disse, ci pensammo un bel po’ prima di accoglierlo: sobrio, elegante, giacca e cravatta, borsa di cuoio, poteva essere un collega o un ispettore del Ministero. Chiede un colloquio, gli capito davanti io,

Prego, si sieda,

No, grazie,

posa la borsa sul tavolo, la apre e la rovescia: completamente vuota salvo per una busta in bianco, resta immobile qualche minuto poi mi volta le spalle, muove un passo e comincia coi gesti. Da quel giorno, più una parola.
Leggo e rileggo i fogli nella busta in bianco, da quel giorno li leggo ogni giorno che si leva su questa Terra. Li leggo e li ripongo. Poi saluto e esco. «Per oggi basta,» mi dico ogni giorno che cade sulla Terra. Mentre mi allontano sto per alzare un braccio teso. Mi trattengo. Basta, per oggi basta. Affretto il passo verso il cancello
.

Così termina il racconto, scrivete i vostri commenti e al prossimo articolo ne parliamo più diffusamente.

Read More

Silenzi

Silenzi di tanti tipi e diversi significati, contemplativi, carichi di emozione, irritanti, imbarazzanti o psicoanalitici.

Questo mi è congeniale, per il lavoro di analista.

Silenzi di attesa, di accoglienza, di condivisione dello spazio relazionale.

A volte i silenzi sono pieni di commozione.

E’ anche il titolo di un racconto breve che volentieri offro ai miei lettori, scritto da un abile scrittore e caro amico, Claudio Maioli, col suo stile impeccabile e di gran classe.

Del racconto mi ha affascinata il rimando alla psiche, turbata dal disturbo che affligge il protagonista che ad un tratto si trova a sostituire idee e parole con un gesto che alla fine ci sorprenderà. Sceglierà il silenzio.

Lo riporto integralmente, su articoli successivi. Graditi tutti i vostri commenti.

SILENZI

«… primi a sparire furono gli avverbi, primissimi quelli in -mente, i più inutili, che ogni volta che uno ti diceva praticamente tu subito a chiedere e teoricamente?, insomma così, tra le tue manie e la lingua sciatta dei più era un inferno e guai se qualcuno suggeriva di darti una calmata, che non erano quelle le cose importanti della vita, ti ci irritavi ancor più, santiddìo… e gli articoli? ti venne ascoltando certi slavi sul regionale, “e mettetelo
diosànto qualche cristo di straccio di articolo, nooo? qualche minchia di preposizione anche, magari, che vi costa? un decimo di respiro in più! eddài! che ci vuole!”, hai pure rischiato, la volta che senza accorgerti pensavi a alta voce e il tizio, manco a dirlo un omone energumeno, ti stava proprio di fronte, avevi quasi le sue ginocchia in bocca e comunque sopra le tue che va da sé erano parecchio più in basso, braccia più grandi delle tue coscette pavide, braccione vistose tatuate, manco a dirlo, grosse grosse che
ci stavano pure tutte e tre le guerre puniche o l’arazzo di Bayeux o la conquista traiana della Dacia, hai visto mai che è romeno, che anche loro, certi di loro risparmiano sugli articoli… e allora se così ha da essere eliminiamoli, no? no, non gli slavi o i romeni, gli articoli… e poi i verbi, gli aggettivi, insomma tutte le parti del discorso…» Così ha inizio un training continuo, ostinato, tra lui e il mondo c’è un diaframma solido e spesso quanto trasparente, non di acquario – i moti non sono più fluidi di prima, quel ch’è a scatti resta a scatti – ma il suono: il suono resta dall’altra parte. Filtrano invece gli odori.
Questo fu prima. Quando un treno preso per caso divenne irrinunciabile. Da allora e fino alla fine di quella vita – che numero era: la sua terza, la sua quarta? – , stessa tratta stesso orario, giorno dopo giorno.

«… ora sei qui che inali, hai deposto gli sdegni orto-sintattici e inali miscele di calce, sudore, tabacco, rudità e cattiva colonia, dita grosse ruvide, qualcuno segnato di striscio dal frullino, salde sui poggiabracci, li guardi non visto, così credi, e quanto vorresti almeno una mezza occhiata anche di sguincio.”

Lite breve e intensa, turbini normanni, Guglielmo I a guidarli in Albione tra Dacia e Cartagine, braccia sedate presto da un uomo in divisa, braccia avvolte nella Storia inconsapevoli come lo è il pesce del suo cartoccio, l’aria si mescola, scappa qua e là un po’ condizionata e un po’ no dai finestrini senza sigillo e torna con l’aroma aggiunto dei ferodi mentre
la ventola cigola incerta e tra gli scrocchi si annuncia un ritardo.
Afrore. Giurerebbe che fosse un tabù, la lista proibita di parole che mai e poi mai al mondo. Eppure eccolo nella coscienza. Un segnale. Quasi si perdono i sensi. Si cambia ancora.
Ma non sa quanto né per quanto né per dove.
E un giorno arriva qui.



Foto di Mystic Art Design da Pixabay

Read More

Passeggiata

La passeggiata di Robert Walser è un testo celebre pubblicato nel 1919.

Perchè parlare oggi de “La passeggiata”?

Oggi che i libri di svago sono caratterizzati dal nostro tempo odierno lacerato, triste, drammatico, veloce, angustiato?

Un tempo di drammi e romanzi tragici, di storie di efferati delitti e gorghi mentali spaventosi.

Probabilmente ogni tempo ha avuto i suoi racconti oscuri, pesanti da mandare giù, noir o semplicemente duri e aspri.

La letteratura del resto riflette come uno specchio fedele proprio il tempo in cui l’autore riesce a collocarsi.

Se pensiamo ai racconti di Poe c’è poco da stare allegri ma l’immaginazione e il tocco irreale e fantastico trasportano i lettori in lungo e in largo.

Walser, nella sua passegiata, ci trasporta con lui, nella sua Svizzera e con lui ci pare di incontrare avventori strampalati, viali alberati tra lame di sole che lasciano una dolce luce tra le case basse e tranquille che si incontrano lungo il cammino.

La campagna di Walser sembra fuori dal mondo, lui stesso passeggia come svago profondo, in un vagabondare dello Spirito che si fa archetipo di un passaggio libero dalle ambasce del quotidiano vivere.

Questo testo, agile libro di un secolo fa, può ancora essere interessante?

Per contrasto alla vita di fretta, alle uscite con un preciso scopo, alle incombenze che attanagliano tutti, la risposta è sì.

Interessante perchè disegna ai nostri occhi un paesaggio interiore di assoluta calma e di curiosità pacifica.

Perchè lascia intuire uno spazio dedicato all’incontro con l’altro.

Perchè tra ironia e incontri bislacchi ci rilassa come se anche noi, con l’autore, lo accompagnassimo nella sua passeggiata, senza meta.

Uno stralcio:

“Ciò che vedevo era insieme povero e grande, piccolo e colmo di significato, leggiadro quanto modesto, buono quanto caldo e amabile.

Particolare gioia mi dettero due case, che nella chiara luce solare se ne stavano l’una accanto all’altra come due figure a riscontro, vive e cordiali.

Attraverso la lieve affabilità dell’aria, delizia si avvicendava a delizia, passava un tenue tremito di piacere.

Read More

Malattia rara

Le cose rare evocano preziosità. Non quando rare sono le malattie, non abbastanza studiate per poter esser sconfitte.

Una malattia rara neurodegenariva di cui tutti abbiamo sentito parlare è la corea di Huntington.

Che succede se questa malattia rara colpisce propro te?

Le capacità cognitive declinano, i movimenti si fanno scoordinati e il comportamento soffre, anche lui disturbato.

Sconcerto e desiderio di allontanarci dal problema ma conoscere è un passo verso la sensibilizzazione.

Sensibilizzati saremo felici di aiutare la ricerca che sulle malattie rare è profondamente impegnata.

Un libro interessante ce ne parla, è appena uscito per la casa editrice Ensemble, lo ha scritto Daniele Poto, un lucido autore che ho avuto modo di apprezzare nelle sue pubblicazioni di ricerca, di denuncia, di scottanti temi del nostro tempo, di risveglio delle coscienze.

Il libro di cui oggi vi parlo ha per titolo “Una vita al cinquanta per cento” e l’autore sceglie di raccontare una storia.

La storia di una donna che conosce direttamente, una storia vera che narra i dilemmi, le paure e le speranze, i pensieri e la vita di una donna affetta dalla malattia di Huntington, che sta lottando.

Ecco uno stralcio:

“Ho sempre pensato alla normalità come a un guscio vuoto. Le persone che irrompono nelle prime pagine di un quotidiano con un crimine efferato fino a un’ora prima venivano considerate normali dai vicini, dai parenti, dai figli o dai genitori. Che cosa è esploso in loro solo un attimo dopo? L’imprevedibilità del gesto umano può sconcertare, ma appartiene alla grande incorrotta galassia del libero arbitrio.

e un altro:

“Passerò dallo stato di “saggia” a quello di “demente”. Le virgolette sono d’uopo per conferire ai due status un valore empirico precario e mai assoluto. E come demente sarò assolta dagli atti insensati. L’umanità mi perdonerà per assurdi scivolamenti cognitivi, tradimenti nella sfera delle emozioni parentali, nei movimenti incontrollati? Non potrò guidare un’autovettura, sarò limitata nella mia capacità decisionale. Che valore avrà il mio eventuale voto alle elezioni? Interrogativi a cui nessuno sarà in grado di rispondere, neanche la sottoscritta. Meno che meno la sottoscritta.”

il nostro Dna

Se non ci lasciamo spaventare dall’argomento forte potremmo conoscere qualcosa in più, potremmo migliorare il nostro livello di sensibilità, potremmo fermarci a riflettere se possiamo portare anche il nostro piccolo contributo a un tema così importante.

Scrivetemi i vostri commenti e se desiderate dettagli per trovare questo libro

«Ora immagino che farai come tutti. Andrai su internet a cercare le radici di Huntington, un nome che hai sentito per la prima volta. Dopo questa prima sommaria informazione ti prego di parlarne con qualcuno che ne sa. È giusto che tu sappia che io da anni mi faccio seguire da uno psicologo in relazione a te e alla necessità di metterti al corrente, giudicherai tu, se mossa tardiva o appropriata. È uno spazio che è aperto anche per te. Per esprimerti, capire, comprendere, decidere, trovare una soluzione o un rifugio».

Read More

Assistenti di vita sociale

Riusciremo a garantire un armonioso vivere sociale, abbattere troppe iniquità e ingiustizia?

Abbiamo raggiunto importanti innovazioni in campo biologico che potrebbero migliorare molti aspetti del vivere sociale, applicabili quando i cittadini saranno in grado di operare scelte autonome.

Disuguaglianze socioeconomiche ricadono sulla salute?

Sì, facendo male ai cittadini, all’’ambiente e all’economia, intesa qui come teoria e tecnica capace di ridurre gli sprechi e ottimizzare le risorse.

Quanto invecchia l’Italia?

gli over 65 nel 1960 erano il 9% della popolazione, nel 2000  erano il 16%, 19 anni dopo cooè oggi sono il 22%

Un milione circa vive in povertà assoluta in una emarginazione economica e sociale devastante. Dal sito di Organisation for Economic Cooperationa nd Development, O E C D, si ha una lettura efficace.

Quali idee potrebbero sviluppare modelli nuovi capaci per affrontare le difficoltà di oggi?

Un oggi che non riesce a stare in equilibrio tra le trasformazioni profonde, prodotte dai grandi cambiamenti .

Se pensavamo che fino a 25 anni circa era il tempo dell’istruzione, oggi questo tempo si è protratto a 30 ann di età.

Se le attività di lavoro, riproduzione e famiglia coinvolgeva fino all’età di 70 anni per poi raggiungere pensione e fine vita, oggi la vita adulta è caratterizzata da un “lavorare sempre”.

L’idea nuova:

donare assistenza e sostegno a chi ne ha bisogno, finchè si è in grado, per riceverli poi in cambio fino alla morte quando se ne avrà bisogno.

Si delinea così la figura dell’assistente di vita indipendente che capitalizza a le proprie competenze sia da giovane che da anziano, dentro un progetto di vita comunitario che salvaguarda un bene prezioso.

Quale?

La dignità del tempo di vita, dunque anche di vecchiaia.

Testi di Genomica sociale ci raccontano oggi come come la vita quotidiana può modificare il nostro DNA, autori Redi e Manuela Monti.

Buona lettura a tutti voi!

Read More